Mediatore creditizio: chi è e cosa fa

Tutto sulla professione del Mediatore Creditizio: come si forma e cosa fa

Mediatore creditizio: chi è e cosa fa
Data pubblicazione 2019-06-03

Il mediatore creditizio è una figura che mette in collegamento banche, istituti di credito e intermediari finanziari con la clientela interessata ad accedere a finanziamenti, prodotti assicurativi, cessioni del quinto dello stipendio o altre forme di credito. Tale attività ha carattere di indipendenza e deve essere svolta in via esclusiva.

Come si diventa mediatori creditizi

L’attività di mediazione creditizia può essere esercitata previa iscrizione all’elenco dell’OAM (Organismo degli agenti e mediatori).

Quali sono i requisiti per l’iscrizione? Per quanto riguarda il titolo di studio, quest’ultimo non deve essere inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore rilasciato con corso quinquennale: in alternativa, l’aspirante mediatore deve possedere un titolo di studio equiparato per legge. Oltre a rispettare i requisiti di professionalità e onorabilità, è tenuto inoltre a sottoscrivere una polizza di responsabilità civile a tutela della propria attività.

Per esercitare la professione è necessario sostenere un corso di formazione professionale e superare un’apposita prova d’esame finalizzata a verificare la conoscenza delle materie giuridiche, economiche, finanziarie e tecniche del candidato.

Attività compatibili

Il mediatore creditizio può svolgere attività connesse o strumentali alla propria attività: fra queste rientrano l’analisi in materia economico-finanziaria, la gestione di immobili, la gestione di servizi informatici e la formazione del personale.

L’attività di mediazione può essere svolta nei confronti di più intermediari, ma il mediatore non può essere legato alle parti da rapporti che ne compromettano l’indipendenza.

Sono compatibili le attività di consulenza finanziaria e mediazione di assicurazione o riassicurazione. Il mediatore è autorizzato a raccogliere le richieste di finanziamento e a svolgere una prima istruttoria per conto dell’intermediario che in tal modo esternalizza parte delle proprie attività risparmiando sui costi di gestione.

Formazione

La formazione dei mediatori creditizi prevede il superamento di una specifica prova d’accesso in base alla figura professionale. Chi desidera diventare agente in attività finanziaria iscritto all’OAM (persona fisica), collaboratore di agente in attività finanziaria (iscritto all’OAM come persona fisica, ditta individuale o società di persone), o amministratore di società di agenzia in attività finanziaria o mediazione creditizia deve superare l’esame OAM.

La prova valutativa OAM è riservata invece agli aspiranti collaboratori di mediatore creditizio e agente in attività finanziaria costituiti sotto forma di società di capitali.  Il superamento della prova d’esame OAM esonera dalla prova valutativa.

Come iscriversi all’esame

Per accedere all’esame è necessario registrarsi al portale OAM e disporre di una casella PEC. Una volta ottenute le credenziali per entrare nella propria area riservata è possibile verificare se restano dei posti disponibili e, se sì, effettuare la prenotazione, allegando copia del versamento del contributo richiesto per l’esame. 

In mancanza di posti disponibili sarà possibile utilizzare il pagamento per la sessione successiva o, in alternativa, richiedere il rimborso della quota. Oltre al versamento della quota per l’esame è necessario sostenere un contributo per l’iscrizione all’elenco dei mediatori creditizi OAM, con rinnovo annuale. In particolari casi è possibile ottenere l’iscrizione all’elenco OAM anche senza sostenere l’esame a patto di possedere requisiti professionali specifici.

Per sostenere la prova valutativa OAM è necessario registrarsi al portale, prenotare la sessione tramite la propria area privata e installare sul proprio pc l’apposito software che consente di svolgere il test in via telematica. La prova consiste in un test di verifica con 20 quesiti a scelta multipla. Ogni risposta corretta prevede l’attribuzione di un punteggio: per superare il test – della durata massima di 20 minuti – è necessario conseguire un punteggio complessivo non inferiore a 12/20.

L’assicurazione

Chi desidera esercitare la professione di mediatore creditizio è tenuto a sottoscrivere una polizza di responsabilità civile. L’assicurazione copre il professionista dai danni arrecati a terzi nell’esercizio della propria attività, nonché per i danni arrecati da collaboratori e altri soggetti di cui il mediatore risponda a norma di legge.

Categoria: Professioni