Polizza Infortuni Conducente: Quando Scatta la Copertura

Ecco perché presentare un certificato medico dopo un incidente stradale con danni a persone

Polizza Infortuni Conducente: Quando Scatta la Copertura
Data pubblicazione 2018-06-28

In caso di sinistro è necessario disporre di un certificato medico dopo incidente stradale da inviare all'assicurazione, che documenta e prova l'entità del danno. Questo perché la copertura della polizza infortuni conducente scatta in caso di danno fisico accertato.

Se la casa, come dimostrano le statistiche, è uno degli ambienti più pericolosi per chi ci vive o ci lavora, nel nostro paese é straordinariamente elevata la percentuale di coloro che subiscono infortuni nel mondo del lavoro ma soprattutto su strada.

L'assicurazione infortuni conducente risulta una delle polizze più utili per chi si mette alla guida di una vettura.

E' importante infatti valutare che di norma una semplice Rc veicoli non prevede garanzie utili per il conducente che subisce un infortunio, per questo vale la pena considerare una copertura a tutela del guidatore.

Infortuni conducente: determinante il possesso del certificato medico dopo incidente stradale

Per chi è alla guida di una vettura e subisce un infortunio, ma gode di una regolare copertura assicurativa, è necessario entro le prime ore successive al sinistro recarsi ad un pronto soccorso oppure dal proprio dottore per farsi rilasciare un certificato medico dopo incidente stradale.

Il medico deve stilare un certificato medico ad uso assicurativo, che si distingue da un semplice certificato perchè deve contenere dettagli specifici in relazione ai danni subiti, rilevati in seguito alla visita.

Questo documento è essenziale per poter ottenere il risarcimento dalla compagnia assicuratrice. 

La prova del danno fisico dimostra la portata dell'infortunio occorso al conducente.

La sentenza  n. 1272/2018 della Cassazione ha inteso porre un limite alla richieste, talvolta esagerate, in tema di risarcimento dei danni soprattutto a fronte di danni inesistenti, che per forza di cose non possono essere dimostrati clinicamente.

Ottenute le certificazioni mediche, che dimostrano i danni accertati derivanti dall'infortunio, si deve procedere con l'invio della documentazione all'assicurazione, che procederà fissando una visita presso un medico-legale di propria fiducia per la valutazione.

Trascorse alcune settimane dalla visita presso il medico-legale di norma è possibile chiudere la vicenda con la liquidazione definitiva del danno.

La polizza infortuni:  una proposta estremamente personalizzabile

Prima di sottoscrivere un'assicurazione infortuni è bene aver chiaro quale tipo di prodotto risulta più adeguato alle necessità.

Il mercato infatti propone coperture diverse e personalizzabili, a seconda delle esigenze e dei frangenti.

Quel che è certo é che una polizza può garantire all'assicurato una diaria giornaliera in caso di ricovero e a fronte di inattività sul lavoro, soprattutto laddove si svolge la libera professione 

A seconda della tipologia di copertura, la polizza infortuni può offrire l'assistenza di una centrale operativa attiva 24 ore su 24, per 365 giorni l'anno così come l'opportunità di fruire di una consulenza telefonica medica ed un aiuto concreto anche per chi si trova all'estero al momento dell'infortunio.

Chi ha sottoscritto un'assicurazione infortuni vanta di norma una copertura personale ma può anche decidere di estendere le garanzie all'intero nucleo famigliare.

Assicurazione infortuni, una copertura adeguata che strizza l'occhio al risparmio

Potersi garantire una copertura adeguata risparmiando non è un'operazione impossibile.

Per sottoscrivere un prodotto di qualità, in grado di rispondere perfettamente alle esigenze dell'assicurato, può risultare estremamente utile servirsi delle potenzialità offerte da un comparatore online, che raffronta i tanti prodotti presenti sul mercato, per offrire all'utente la soluzione perfetta al prezzo più conveniente, il tutto senza lunghe ed inutili attese.

Categoria: Veicoli