Il meccanismo della patente a punti, o punti patente, fu introdotto nel nostro paese a partire dal 1 luglio del 2013; l’intento, senza dubbio nobile del Governo, era quello di inserire un meccanismo in grado ( almeno nella teoria e nella speranza) di rendere gli automobilisti più responsabili e ridurre in questo modo il numero degli incidenti stradali, soprattutto con riguardo al fenomeno delle morti in strada. Nonostante siano passati più di 13 anni questo meccanismo a punteggio continua tuttavia a lasciar la gran parte degli utenti ( sia giovani che anziani) confusi e pieni di dubbi.

COME CONOSCERE IL NUMERO DEI PUNTI PATENTE?

Nel momento in cui viene rilasciata la patente (ma stesso discorso vale per colore già patentati al momento dell’entrata in vigore del meccanismo dei punti sulla patente), il titolare ha a disposizione 20 punti totali.

Ogni volta che l’automobilista commette una violazione del codice della strada, oltre ad essere soggetto ad una sanzione amministrativa e eventualmente ( nelle ipotesi più gravi) ad un provvedimento sulla patente o sulla carta di circolazione, è prevista una decurtazione di punti dalla patente di un ammontare pari a quanto previsto per legge, secondo la tabella riportata all’art 126 bis del codice della strada. Se si commettono più infrazioni contemporaneamente si possono perdere fino ad un massimo di 15 punti, sempre che le infrazioni non comportino una sospensioni o revoca della patente stessa.

Chi non commette infrazioni viene premiato ogni biennio con 2 punti aggiuntivi: il massimo dei punti che si potrà ottenere sulla patente rispettando costantemente il codice stradale è di 30 punti.

Per conoscere o verificare il saldo dei punti sulla patente gli automobilisti possono utilizzare:

 Il portale degli automobilista
Che consente di conoscere in tempo reale lo stato della propria patente con un semplice click;

 Il numero 848.782782
La telefonato può essere effettuata solo da telefono fisso secondo le tariffe proprie del gestore telefonico;

Dal 13 agosto 2013 per i neopatentati è stato previsto un ulteriore meccanismo premiale: nel caso in cui non si incorra in nessuna infrazione sulla patente verrà attribuito ogni anno un punto; tale meccanismo premiale opererà fino ad un massimo di 3 punti.

COME SI RECUPERANO I PUNTI PATENTE?

Se si incorre in un’infrazione che determina la perdita pari o inferiore a 5 punti, per poterli recuperare bisogna rispettare il codice della strada per due anni, trascorsi i quali l’automobilista vedrà incrementare il suo saldo patente di due punti. Se invece si incorre in una violazione del codice stradale che comporta una perdita di punti superiore a 5 punti, bisognerà frequentare un corso presso una scuola guida e sostenere un esame, sia teorico che pratico. In questo modo è possibile aumentare di 6 punti la patente ( fatta eccezione per le patenti professionali che possono arrivare fino a 9 punti). Nel caso in cui si dovessero perdere tutti i punti sarà obbligatorio per l’automobilista sostenere di nuovo l’esame di guida dato che la perdita di tutti i punti determinerà la revoca automatica delle patente.