Arrivano nuovi costi aggiuntivi per gli avvocati

Sei un Avvocato? Ecco quello che cambia e quali sono i costi aggiuntivi

Arrivano nuovi costi aggiuntivi per gli avvocati
Data pubblicazione 2015-08-25
Tra tutte le assicurazioni per la responsabilità civile professionale, che dal 13 agosto 2013 con il DPR n.137/2012 sono diventate obbligatorie, troviamo quella per l'ordine degli avvocati. Ma non tutti sanno che chi è iscritto all'albo degli avvocati è tenuto ad avere anche un altro tipo di assicurazione, quella contro gli infortuni. Chiunque sia laureato in legge e che svolga la professione di avvocato è consapevole di essere obbligato all'assicurazione professionale, mentre purtroppo l'assicurazione sugli infortuni viene ancora poco considerata da molti.

RC Professionale avvocati

Ne abbiamo parlato spesso e sappiamo che la responsabilità civile professionale per un avvocato è obbligatoria in quanto va a proteggere l'assicurato dalle eventuali richieste di risarcimento che vengono fatte da terzi durante il periodo di contratto della polizza. Queste richieste possono avanzare a causa di un errore di negligenza, ovvero quando l'avvocato non va a compiere un'azione doverosa nell'ambito della sua professione, o per un errore di imprudenza svolgendo un compito che non rientra tra le sue normali attività lavorative ed infine per errori di imperizia, ovvero quando l'avvocato commette un errore per mancata esperienza. Inoltre la resonsabilità civile avvocati copre anche i costi e le spese che vengono affrontate per il rimborso di un eventuale provvedimento giudiziale o per difendere il contraente della polizza, in questo caso l'avvocato. Ma sono molte le garanzie che possono essere aggiunte ad una rc professionale avvocati. Come il ritardo o l'omissione del deposito di atti, o la perdita e la distruzione colposa dei documenti, la violazione della privacy e anche la nullità degli atti processuali.

Assicurazione contro gli infortuni per gli avvocati

Speriamo di non spaventare tanti avvocati, ma ebbene sì, indipendentemente dal fatto che non abbiate dei dipendenti o dei praticanti nello studio, siete comunque costretti a stipulare una polizza contro gli infortuni. E' proprio il secondo comma dell'articolo 12 a dirlo: "All'avvocato, all'associazione o alla società tra professionisti è fatto obbligo di stipulare, anche per il tramite delle associazioni e degli enti previdenziali forensi, apposita polizza a copertura degli infortuni derivanti a sé e ai propri collaboratori, dipendenti e praticanti in conseguenza dell'attività svolta nell'esercizio della professione anche fuori dei locali dello studio legale, anche in qualità di sostituto o di collaboratore esterno occasionale". Come leggete, il comma dichiara che la polizza contro gli infortuni deve essere stipulata per andare a coprire gli eventuali infortuni subiti dai propri collaboratori o dipendenti/praticanti e dallo stesso contraente. Quindi per concludere il professionista è obbligato a stipulare due polizze assicurative per essere perfettamente in regola e per non incombere a salate sanzioni disciplinari o anche rischiare di essere cancellato dall'albo. Cari Dottori Avvocati, vi capiamo benissimo; vi trovate davanti ad un altro costo che andrà a gravare sulla vostra professione, soprattutto per i giovani avvocati che non hanno ancora un ampio giro di clienti. Infatti noi di MioAssicuratore, cercheremo di aiutarvi trovando una coppia di preventivi per la vostra rc professionale e per l'assicurazione infortuni, che sarà adeguata alle vostre esigenze economiche e professionali.
Categoria: Professioni