Danno Biologico

Ecco il significato di Danno Biologico

Con l’espressione danno biologico nel sistema giuridico italiano si fa riferimento a qualsiasi tipo di lesione dell’integrità della persona, sia che si tratti di lesione fisica o psichica.

Il danno biologico rientra nella categoria dei danni contro la persona e il suo riferimento serve a determinare i danni che non sono inclusi nel danno patrimoniale, ai fini di un eventuale risarcimento.

Rientrano pertanto nella categoria del danno biologico ogni modifica dell’aspetto fisico o la diminuzione della capacità psicologiche e/o sociali, nonché dell’eventuale capacità di lavorare.

Il concetto del danno biologico è stato elaborata dalla giurisprudenza della Corte di Cassazione italiana alla luce della considerazione che le eventuali lesioni cagionate a soggetti terzi non possono essere valutate solo e soltanto alla stregua di una dimensione patrimoniale; in sostanza cioè il valore di una persona non può essere determinato solo e soltanto dalla sola capacità di generare ricchezza (reddito).

Il valore della persona ma valutato nell’interezza delle sua qualità e possibilità, e pertanto il danno biologico permette la risarcibilità della lesione indipendentemente dalla sua capacità di produrre reddito.

In questo modo rientrano tra i soggetti che possono godere del risarcimento anche i soggetti non occupati, i minori e i pensionati.

Per ottenere il risarcimento di un danno biologico (cosi come previsto ai senti dell’art 2059 del codice civile) bisogna anzitutto sottoporsi all’esame di un medico legale, il quale tramite un’accurata analisi, dovrà indicare la natura e l’entità della lesione eventualmente riportato, indicare la durata dell’inabilità e eventualmente indicare la percentuale di invalidità riportata in conseguenza della lesione.

Il danno biologico riportato in conseguenza della circolazione di veicoli a motore si distingue in:

- Danno biologico di lieve entità: in questa sottocategoria rientrano le lesioni micro permanenti che presentano un’invalidità compresa tra l’1% e il 9%;
- Danno biologico di grave entità: in questa sottocategoria rientrano le lesione macropermanenti che presentano un’invalidità superiore al 9%.


Votato 4,3 / 5 da 103 utenti