Ecco cosa succede se non paghi una multa

Vi è stata notificata una multa? Via il dente, via il dolore: a meno che non preferiate collezionare multe non pagate. Cosa fare con MioAssicuratore?

Ecco cosa succede se non paghi una multa
Data pubblicazione 2017-07-26

Decidere di pagare la multa entro 5 giorni

Vi è stata notificata una multa? Via il dente, via il dolore: a meno che non preferiate collezionare multe non pagate vi conviene procedere con il pagamento entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notifica del verbale.

Come previsto dal Decreto del fare entrato in vigore il 21.08.2013, infatti, per le sanzioni amministrative pecuniarie è possibile beneficiare di una riduzione del 30% sull’importo della sanzione nel caso l’automobilista decisa di mettersi in regola con la dovuta prontezza.

Lo sconto non si applica in caso di ritiro della patente o confisca del veicolo e delle violazioni di natura penale come la guida in stato di ebbrezza.

Se la multa viene notificata a casa, è necessario prestare particolare attenzione al termine dei 5 giorni perché quest’ultimo può essere variamente calcolato, a seconda di come è stata eseguita la notificazione (ad esempio, con avviso di giacenza).

Decidere di fare ricorso al prefetto o al giudice di pace

Pensate che ci siano delle irregolarità nella notifica della multa o dei vizi di forma che possono rendere nullo il verbale e avete deciso di contestarla?

Diverse possono essere le motivazioni alla base di questa scelta: ad esempio, la mancata notifica del verbale entro i termini previsti per legge, o la notifica al vecchio proprietario del veicolo a passaggio di proprietà già avvenuto.

Fatta eccezione per l’ultimo caso, in cui l’istanza di annullamento può essere presentata direttamente all’autorità che ha emanato la multa, esistono diverse strade per presentare il ricorso: rivolgersi al Prefetto o, in alternativa, alla cancelleria del Giudice di Pace.

Decidere di non pagare la multa

Nella prima eventualità bisogna procedere entro 60 giorni di tempo inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno in cui andranno inserite le proprie generalità, il motivo della contestazione, copia del verbale e la documentazione a supporto della richiesta.

Chi si rivolge al Giudice di Pace deve invece depositare la domanda di ricorso a proprie spese rispettando il termine di 30 giorni.

Non sempre la scelta di contestare una multa va a buon fine.

Entro 120 giorni il Prefetto è chiamato a emettere l’ordinanza in cui comunica la scelta di rifiutare o accogliere il ricorso.

In caso di esito negativo, la multa deve essere pagata entro 30 giorni di tempo, termine valido anche per i ricorsi presentati tramite il Giudice di Pace.

Ad oggi in Italia NON è possibile assicurare il pagamento di multe, ma è fortemente consigliata una assicurazione di tutela legale in grado di garantire un legale scelto a difesa della persona o la famiglia multata.

Categoria: Tempo Libero