Casa: Mutuo Sospeso per Chi non Può Pagare Fino a 18 Mesi

Fondo di Solidarietà per la Sospensione del Mutuo: Come Funziona

Casa: Mutuo Sospeso per Chi non Può Pagare Fino a 18 Mesi
Data pubblicazione 2018-09-07

Vuoi comprare una casa ma per farlo devi accendere un mutuo che protegge sia te che la banca nel caso in cui tu non possa più pagare. Per avere maggiori tutele è quindi necessaria una polizza e qui puoi vedere cosa copre l'assicurazione mutuo. C'è anche da fare una distinzione importante, l'assicurazione mutuo per scoppio e incendio è obbligatoria mentre quella per la perdita del lavoro, per la malattia o la morte non lo è.

Cosa fare quando non si riesce a pagare il mutuo

È di nuovo attivo il Fondo di solidarietà per i mutui per l'acquisto della prima casa (istituito con la legge n. 244 del 24/12/2007 e modificato con la legge n. 92/2012) con più di 30 mila domande accettate dal Ministero dell'Economia e delle Finanze.

Per essere ancora più precisi, le domande presentate per la sospensione dei mutui sono 48.255 ma ne sono state accettate 35.754. Questo, in termini economici, si traduce nella cifra di circa 50 milioni di euro (dato rilevabile dalle tabelle diffuse dal Ministero dell'Economia e delle Finanze durante il seminario “fare casa” nel giugno del 2017).

Dallo scorso 27 aprile il Fondo è tornato disponibile permettendo a chi ne ha diritto di sospendere il mutuo per l'acquisti della casa principale.

Quali sono i requisiti per accedere al Fondo di solidarietà

Al Fondo possono accedere le famiglie in difficoltà economica, che dimostrino di trovarsi nelle seguenti condizioni:

  • cessazione del lavoro dipendente, sono escluse la risoluzione consensuale o il licenziamento per giusta causa;
  • sospensione del lavoro della durata che supera i 30 giorni;
  • riduzione dell'orario lavorativo;
  • morte del titolare del mutuo;
  • il titolare del mutuo si trova in condizione di non autosufficienza;
  • il mutuo non deve superare la cifra di 250 mila euro;
  • l'ISEE non deve essere superiore a 30 mila euro;
  • riconoscimento di handicap grave o invalidità civile non inferiore all'80%.

Ovviamente i requisiti di cui sopra devono essere riferiti all'intestatario del mutuo o a uno dei titolari in caso sia cointestato e devono essersi verificati dopo la stipula del finanziamento ed entro i 24 mesi precedenti la domanda di sospensione. 

Da notare che il maggior numero di domande di accesso al Fondo per la sospensione del mutuo perviene dalla Lombardia e per lo più legata alla perdita del posto di lavoro.

Chi non può accedere al Fondo di solidarietà

Vi sono casi in cui non può essere chiesta la sospensione del mutuo e sono i seguenti:

  • mutui con ritardo nei pagamenti superiore a 90 giorni consecutivi al momento della presentazione della domanda di accesso al Fondo da parte dell'intestatario;
  • ritardo nei pagamenti per cui sia intervenuta la decadenza del beneficio;
  • risoluzione del contratto anche tramite notifica dell'atto;
  • sia stata avviata procedura esecutiva sull'immobile ipotecato;
  • fruizione di agevolazioni pubbliche.

Come presentare la domanda di accesso al Fondo di solidarietà

Dopo aver verificato il possesso dei requisiti per la sospensione del mutuo non resta che rivolgersi alla Banca con cui si è acceso il finanziamento e consegnare modulo di domanda disponibile sul sito del Ministero dell'Economia e delle Finanze debitamente compilato.

Categoria: Casa Famiglia